fbpx

costruire una casa del futuro

Una volta costruire una casa era molto semplice a livello pratico ma anche a livello burocratico. Oggi la burocrazia ci massacra, ho visto persone rinunciare alla casa dei loro sogni per la mole di documenti e i costi derivanti da quest’ultimi. Costruire una casa del futuro non è un compito facile e anche a livello tecnologico le cose si sono complicate. Un po per colpa delle imprese edili che si aggiornano poco e un po perché ci vogliamo complicare la vita.

È il caso di Davide, proprietario di un bel appezzamento di terreno a Castelfranco in provincia di Treviso. Il terreno completamente vergine con una superficie di circa 2000 mq immerso nella campagna e diviso da altri lotti dal classico fosso non più usato, dove l’erba cresceva indisturbata, la terra di nessuno :-D.

Il progetto della casa di Davide, aveva l’obbiettivo di raggiungere gli standard delle costruzioni casa passiva, una sfida per tutti. Come impresa edile costruiamo anche condomini, case appartamenti, o anche restauri di una certa entità. Non dimentichiamo le case in legno… 🙂 . E una cosa l’ho appresa molto bene, bisogna costruire edifici più semplici possibili a livello tecnologico, ogni tecnologia che rappresenta una complicazione può causare notevoli problemi alla nuova costruzione edile.

Costruire una casa del futuro di Davide

Il preventivo per costruire la casa di Davide era veramente vasto, con sistemi si innovativi ma che erano complessi nell’insieme della costruzione edili. Sistemi che possono essere sostituiti benissimo da sistemi più semplici, che svolgono la stessa funzione e hanno un’impatto economico minore sulla casa. Sia chiaro: sono il primo che ricerca nuovi sistemi costruttivi, ma che semplificano il reparto costruttivo / casa.

Vi dico già che non sono riuscito a prendere questo lavoro, e, solo un po, ne sono sollevato. Certi particolari della casa mi preoccupavano, la loro realizzazione e la loro reale efficienza. Questo preventivo mi ha fatto pensare a quanto, delle volte, complichiamo le nostre costruzioni edili inutilmente.

Costruire una casa del futuro un esempio semplice

Se ci guardiamo attorno troviamo molte case costruite con sistemi molto semplici ma che raggiungono prestazioni paragonabili alla casa passiva. Un bel esempio che ho trovato è l’edificio e4 Brickhouse 2020, un esempio di casa passiva con tecnologie semplici e una corretta progettazione della costruzione edile. Nella casa e4 Brickhouse si utilizza un unico blocco per raggiungere una buon isolamento. Un Blocco dello spessore di 49 cm e Valore U pari a 0,14 W/m²K.

Ovviamente questo non è tutto la posa della blocco per realizzare la muratura esterna della casa aveva le sue sfumature per raggiungere gli standard qualitativi e il livello di casa passiva. Un esempio di sfumatura è la malta termica utilizzata per la posa della muratura.

Ovviamente in questa casa non poteva mancare una corretta progettazione e un’impianto che usufruisca a pieno il sole. La casa è quindi dotata di pannelli fotovoltaici e pannelli termici. Un vero capolavoro. Cosa più importante è il bilancio positivo tra CO2 e energia primari.

La domanda che mi pongo è sempre la stessa: per quale motivo non si costruisce tutte  le case con sistemi costruttivi efficienti e che raggiungano un alto benessere interno dell’abitazione?

Costruire una casa del futuro continua la ricerca

Per il mondo ci sono molti edifici che possono servirci da esempio. Un altro edificio che rappresenta il futuro e dovrebbe essere da esempio per i suoi ottimi risultati di risparmio energetico e benessere interno: l’edificio 2226. Questo edificio dimostra il semplice principio più involucro meno impianti.

L’involucro dell’edificio ha un elevato spessore e ridotte superfici vetrate, con lo scopo ultimo di massimizzare e favorire l’immagazzinamento del calore e di luce grazie all’elevata inerzia termica e di contrastare le dispersioni termiche nel periodo invernale.

A questo punto abbiamo compreso che la struttura è molto importante per la buona riuscita dell’edificio, in questo caso l’edificio l’involucro è costituito da una struttura in cemento armato e da una muratura (non portante) composta da due strati di muratura in laterizio per uno spessore totale di 76 cm!!!, intonacata esternamente con intonaco di calce.

Non dobbiamo dimenticare che all’inerzia termica deve essere accoppiato una buona trasmittanza se vogliamo che l’edificio funzione correttamente, nell’edificio 2226 la trasmittanza risulta essere paria a circa 0,14 W/m²K. Questo edificio è estremamente semplice, a livello progettuale è stato studiato per essere realizzato con semplicità senza grosse pretese e il risultato non si è fatto attendere.

Costruire una casa del futuro è ormai alla portata di tutti. Come tutte le ricette che si rispettino ci sono degli ingredienti (anche segreti :-)). Come primo ingrediente è necessario la volontà di costruire una casa del futuro, come secondo un progettista professionale, come terzo un’impresa edile competente, disponibile anche al dialogo. (dialogo che molte volte manca in cantiere).

Costruire una casa del futuro conclusioni

Lo ammetto costruire una casa del futuro è molto bello. È sempre un sfida, la precisione e lo studio alla base di una costruzione edile e in questo modo che il cantiere diventa per me un vero e proprio parco giochi. ? Ancora più bello e vedere l’edilizia del futuro vivere in armonia con l’ambiente circostante.

In questa epoca dove sempre più spesso si cerca la qualità delle costruzioni, un Impresa edile deve essere professionale e sempre aggiornata soprattutto in città come Treviso, Venezia ecc, dove la storia ci ha lasciato un patrimonio culturale.

Condividi questo articolo:

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin