costruzione casa passiva qualche dettaglio

La costruzione di una casa passiva non è semplice e questo è ormai un dato di fatto. La casa passiva è composta da molti particolari costruttivi che devono essere posati correttamente.

Articoli sulle case passive no ho scritti molti e probabilmente continuerò a scrivere articoli su questo tema che tanto mi affascina.

Tra i tanti particolari che costituiscono una casa passiva dobbiamo considerare (e molto seriamente per evitare danni alla struttura) la tenuta all’aria.

I parametri che influenzano in maniera significativa il bilancio energetico di un edificio, sono la coibentazione dell’involucro e la ventilazione.

Entrambi sono strettamente correlati alla tenuta all’aria dell’involucro edilizio ovvero al grado di ermeticità del sistema involucro costituito da vari elementi costruttivi interconnessi in vario modo. Queste connessioni rappresentano delle vie preferenziali per il passaggio di calore con conseguente aumento delle dispersioni termiche attraverso l’involucro.

costruzione casa passiva la tenuta

Dal punto di vista del fabbisogno energetico la scarsa tenuta all’aria comporta l’aumento delle dispersioni per trasmissione e ventilazione, dovuta alla presenza di infiltrazione e spifferi e all’aumento della trasmittanza termica dei componenti della casa passiva associato all’accumulo di umidità nella stratigrafia trasportata per convenzione.

Dotando le case passive di una buona tenuta all’aria, si garantisce infatti, una corretta gestione dell’umidità in quanto si evita lo sviluppo di moti convettivi d’aria all’interno degli elementi costruttivi  (esempio sistema costruttivo con tramezza interna o cartongesso) essi sono in grado di trasportare quantità molto maggiori di umidità rispetto a quelle trasportate per diffusione e possono provocare a lungo termine, un aumento del rischio di danno alle strutture edili.

Inoltre, in caso sia presente un impianto di ventilazione meccanica controllata, un elevata permeabilità  della casa passiva, non consente all’impianto di funzionare correttamente e di ricuperare pienamente il calore a disposizione, causandone una riduzione del rendimento.

Infine, garantire una ridotta permeabilità all’aria, significa garantire benessere all’interno della casa passiva, in quanto si limita l’ingresso di inquinanti all’interno degli ambienti, e di conseguenza si hanno dei benefici in termini di comfort acustico e nel periodo invernale, si elimina la percezione di discomfort dovuta a spifferi e la conseguente riduzione localizzata delle temperature superficiali degli elementi costruttivi.

costruzione casa passiva attacco a terra

Nel caso di una struttura di una casa passiva in latero cemento la tenuta all’aria è generalmente garantita dall’intonaco interno.

Per garantire la tenuta all’aria anche in corrispondenza dello spessore del massetto è bene eseguire un rinzaffo nella porzione interessata prima del getto del massetto stesso e prima della posa degli intonaci.

Questo è particolarmente importante in caso di riqualificazione di una casa o appartamento, quando è possibile che il supporto sia ammalorato o non omogeneo.

Dobbiamo inoltre ricordare sempre le scatolette da elettriche della casa che possono rappresentare “minimi” passaggi all’aria.

costruzione casa passiva attacco pareti

Le considerazioni per il nodo tra parete e solaio di interpiano per gli edifici in muratura sono le medesime dell’attacco a terra.

Generalmente nelle case la tenuta all’aria del nodo è garantita dall’intonaco interno ed è preferibile realizzare un rinzaffo sulla parete in corrispondenza dello spessore del massetto e ripristinare il supporto soprattutto in caso di riqualificazione \ ristrutturazione.

costruzione casa passiva elementi passanti

Gli elementi passanti in una costruzione edile costituiscono delle discontinuità degli strati funzionali di tenuta all’aria e al vento e pertanto devono essere adeguatamente trattati, utilizzando pezzi speciali che  garantiscono tenuta, impermeabilizzazione e durabilità agli agenti atmosferici.

costruzione casa passiva un appunto da non dimenticare

Non dovrebbe accadere che l’aria passi liberamente attraverso le pareti (involucro edilizio) a causa dell’azione del vento o delle differenze di temperatura. Infatti, questi flussi d’aria non sono sufficienti a garantire costantemente una buona qualità dell’aria.

Questi movimenti d’aria non sono confortevoli (a volte troppa aria, spesso troppo poca) e possono causare danni strutturali, non appena l’aria calda umida fuoriesce dall’interno penetrando attraverso le fessurazioni dell’involucro edilizio.

L’aria si raffredda e di conseguenza anche il vapore in eccesso condensa, provocando in ultima analisi la formazione di muffe e funghi.

Una scarsa coibentazione acustica e significative dispersioni termiche sono ulteriori svantaggi delle case non ermetiche.

Perciò ogni costruzione dovrebbe essere caratterizzata da un’elevata tenuta all’aria. Negli edifici passivi, il sistema di ventilazione meccanica controllata fornisce costantemente il necessario ricambio d’aria.

Attraverso un’attenta progettazione è possibile realizzare edifici a tenuta all’aria. Costruttori edili ed architetti con esperienza nel settore delle case passive sanno esattamente come farlo.

costruzione casa passiva e  il Blower Door test

In ogni casa passiva, ad un certo punto deve essere eseguita una prova di tenuta all’aria dell’edificio (il cosiddetto test di pressione “Blower Door”) per garantire il raggiungimento degli stringenti requisiti di qualità.

La prova consiste nel creare all’interno dell’edificio una sovrappressione seguita da una depressione, misurando le conseguenti perdite di pressione. Ogni fessura individuata durante il test può quindi essere sigillata.

Una casa caratterizzata da un’elevata tenuta all’aria offre numerosi vantaggi: è priva di spifferi, previene danni strutturali, migliora la coibentazione.

Blower Door test cos’è

Il blower door test serve per determinare l’ermeticità di una casa. Esso valuta il flusso d’aria che attraversa l’involucro edilizio a seguito della differenza di pressione (50 Pascal) generata da un potente ventilatore.

Il blower door test, se abbinato ad un’ispezione termografica, permette di individuare e studiare accuratamente le dispersioni termiche dovute alle infiltrazioni d’aria attraverso l’involucro edilizio.

Ecco alcuni dei motivi per cui è utile stabilire la tenuta all’aria di un edificio:

  • ridurre il consumo di energia a causa delle infiltrazioni d’aria
  • evitare problemi dovuti alla formazione di condensa
  • mantenere un certo livello di qualità dell’aria interna

Un blower door è un potente ventilatore montato sul telaio di una porta esterna. La ventola tira l’aria di casa verso l’esterno, abbassando la pressione interna e creando una differenza di pressione interno-esterno.

casa passiva sempre informati

Sperando di fare un gesto utile, qui sotto vi lascio due link sempre aggiornato. Il primo link vi mostra tutti gli articoli che parlano di efficienza energetica degli edifici.

Il secondo link vi mostra tutti gli articoli che parlano delle case passive.

In questa epoca dove sempre più spesso si cerca la qualità delle costruzioni, un Impresa edile deve essere professionale e sempre aggiornata soprattutto in città come Treviso, Venezia ecc, dove la storia ci ha lasciato un patrimonio culturale.

Un preventivo di un’impresa edile di Treviso

Condividi questo articolo:

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

costruzione casa passiva qualche dettaglio

Condividi questo articolo:

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

La nostra soluzione per te

Appartamenti in vendita

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Proin rutrum euismod dolor, ultricies aliquam nulla off maxfr mous accumsan.